Jump to content

Migliore cavo segnale custom


salvatore66
 Share

Recommended Posts

ClaveFremen
17 ore fa, SHAR_BO ha scritto:

Mi interessa qualche maggiore info su:

ove acquistare l cavo,

come fare le connessioni,

che connettori siano preferibili

Trovi tutto da Audiophonics per fare una coppia di Neotech NEI-3001 con connettori originali DG-201, ti consiglio lo stagno Oyaide SS-47.

Hanno 4 conduttori, ne usi due per il polo freddo, due per il polo caldo e la calza la colleghi solo lato sorgente, quelli terminati da Neotech sono fatti così.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

ferroattivo

@salvatore66 Ciao Salvatore , anche io su indicazione di @viale249 mi sono autocostruito il Neotech NEI 3001 III , cavo di notevole caratura, compete tranquillamente con cavi blasonati dal costo importante, il problema è provarli. Della Neotech ci sono anche il NEI 2001 e il NEMOI 1220. A breve provero' alcuni Neotech di alimentazione. Peccato che ho scoperto solo ora questo brand, avrei risparmiato tanti soldi!!

Link to comment
Share on other sites

Diciamo che collegare due conduttori al polo caldo e due conduttori alla massa e possibile nei cavi di buona sezione 

Per esempio l'albedo che utilizzo spesso,suona nettamente meglio con i due conduttori collegati al polo caldo.

Li ho provati ,solo un conduttore al polo caldo e l"altro alla massa,scalza collegata solo da una parte.

Suono molto leggero ..

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

ClaveFremen
2 minuti fa, joe845 ha scritto:

ciao, come selezioni le coppie?

sono 2 rossi e 2 blu, rosso con rosso e blu con blu.

 

I due cavi dello stesso colore sono diversi, uno è in rame pieno, l'altro multi-filare, vanno uniti.

NEI-3001III.jpg

Link to comment
Share on other sites

ClaveFremen
2 ore fa, salvatore66 ha scritto:

Ok, grazie delle informazioni, proverò pure io ad autocostruirne uno

Prego 😉 , ho intenzione di farlo anche io per vedere quanta differenza c'è rispetto al già ottimo 3002.

Link to comment
Share on other sites

@saltato

Allora non sono solo io!

Costa poco, ma l’albedo va bene collegato così!

Per altri cavi …. sarà come dicono, ma io rifuggo sempre il suono … come dici tu …. leggero 

Link to comment
Share on other sites

ClaveFremen

@saltato Stiamo parlando di cose differenti...

Il basso 'leggero' non è dovuto alla calza collegata da un lato solo ma al cavo stesso, tra i cavi che ho provato certi suonano più leggeri in basso di altri a prescindere dal modo di collegamento della calza.

 

Sicuramente collegarla dai due lati riduce l'estensione in alto portando più in evidenza il basso che perde però definizione, ora nel caso dell'albedo (o di altri cavi 'leggeri' in basso) questo può essere utile ma stai solo mettendo una pezza...meglio usare un cavo migliore.

Link to comment
Share on other sites

@ClaveFremen @ClaveFremen forse non hai letto bene il mio messaggio.

Bisogna sempre vedere la sezione dei cavi,l'albedo ha una sezione molto piccola,e mal di abbina a utilizzare un solo cavo come polo caldo 

Quando parlavi della calza,influisce molto sulla capacità del cavo.

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

ClaveFremen

@saltato  Ho letto benissimo, ho invece l'impressione che tu abbia male interpretato il mio messaggio...

 

La sezione non ha grande influenza di per sé, di corrente nei cavi di segnale ne circola assai poca...

 

Il Mogami 2549 ad esempio ha una sezione piuttosto piccola (0.339mm² - #22AWG) eppure ha un basso pieno e corposo (sia con la calza collegata dai due lati piuttosto che da uno solo).

 

Molti cavi 'freebie' forniti con gli apparati hanno sezione ridicola eppure hanno comunque un basso ben presente (anche se spesso poco definito e slabbrato).

 

Sul basso la capacità del cavo conta assai poco se non per il fatto che, come ho sopra accennato, se la capacità è troppo alta potresti avere un roll-off sulle alte frequenze portando indirettamente più in evidenza il basso, con il 'prezzo' di una risposta in frequenza non più lineare, perdità di velocità e impatto sui transienti.

 

In molti casi, inoltre, la calza è fatta con metalli meno pregiati/raffinati, collegandola dai due lati la metti nel percorso diretto del segnale rischiando di diminuire la qualità.

 

Quindi mi ripeto, nel caso specifico dell'albedo può essere un modo per riequilibrare un cavo non abbastanza presente in basso ma è e rimane una pezza dal punto di vista dell'integrità del segnale e della trasparenza.

 

Se il tuo obbiettivo è avere un cavo equalizzante e caratterizzato fai benissimo ma non parliamo più di alta fedeltà.

Link to comment
Share on other sites

21 minuti fa, ClaveFremen ha scritto:

In molti casi, inoltre, la calza è fatta con metalli meno pregiati/raffinati, collegandola dai due lati la metti nel percorso diretto del segnale rischiando di diminuire la qualità.

ma no!

la calza e sulla massa.

nessun segnale passa di li

Link to comment
Share on other sites

ClaveFremen
11 minuti fa, saltato ha scritto:

ma no!

la calza e sulla massa.

nessun segnale passa di li

Vedo che hai una profonda comprensione di come funzionano le cose... chissa poi perchè viene anche chiamato 'ritorno', misteri... 😉

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

ClaveFremen

@saltato

Ora abbiamo i segnali 'magici' che viaggiano su di un singolo conduttore...

 

Provo per l'ultima volta e poi mollo, non ho voglia di passare la serata a cazzeggiare.

 

La corrente richiede un percorso di ritorno, a massa appunto, e quello che torna non è spazzatura, è sempre il segnale.

 

Si chiama anche ritorno del segnale per un motivo, se non vuoi credere a me:

 

Partendo dalla forma mentis del progettista improntata in senso "sbilanciato", collegare lo schermo dei nuovi circuiti bilanciati alla massa è quasi istintivo. Il vecchio schermo è già a massa, ma in realtà si tratta del conduttore del segnale di ritorno, non di un vero schermo.

(fonte: https://www.thesoundmaster.it/monografie/grounding2.php)

 

Prima di esprimere certezze granitiche rispolvera i libri di elettronica, se la hai studiata, altrimenti cerca almeno di documentarti prima. 😉

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...