Jump to content

JBL L-100 Classic: versione moderna di una leggenda


robyprof60
 Share

Recommended Posts

Buonasera a tutti, 

Qualcuno ha ascoltato i diffusori in oggetto e può indicarmi analogie/differenze con il modello vintage... Grazie! 

jbl-l100-classic-on-stands-orange.thumb.webp.3a835cabb4d3b190969bd746365a78ae.webp

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Già sulla carta le nuove hanno impedenza 4ohm (le vecchie 8 ) ed una potenza raccomandata di 25-200W (le vecchie 50W continui)...

 

... ma credo che la differenza "vera" sia nel target di mercato, queste a 5.500 euro sembrano un gadget per signori anzianotti che vogliono realizzare oggi il sogno dei loro 20 anni, per le vecchie L100 century il sito audiocostruzioni riporta un prezzo di listino di 385.000 lire (approx. nel 1974) che calcolo essere oggi 2450 euro circa, per essere un prodotto di eccellenza occorre dire che erano alla portata di molta più gente di quanto non lo siano le nuove che non credo si possano definire una "eccellenza" in assoluto.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

@robyprof60

 

Le nuove le ho ascoltate e apprezzate. Sono belle a vedersi con la copertina di foam colorato ( arancione le preferisco) e i loro supporti inclinati dedicati.

Suonano bene, sempre Jbl, quindi devono piacere ma meno grezze e presenti a mio avviso rispetto a modelli del passato ( penso alle 4312a che ho avuto, affascinanti ma davvero spietate e monitor quanto a sonorità). Forse aiuta la progettazione al computer e il crossover più curato. Anche gli altoparlanti sono diversi da quelli del passato ma sempre di qualità Jbl.

Non sono ai livelli di completezza e grandiosità di una K2 con più litraggio e col 38,  ma insomma sono diffusori che una volta messi in casa difficilmente poi escono. Generi più adatti: elettronica, dance, jazz, pop-rock e per ultimo anche quelli classici ( accontentandosi un po')

 

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

@audio_fan il discorso sui prezzi non ha molto senso, nel 1978 lo streo era qurllo che oggi è lo smartphone, lo avevano tutti, i livelli di vendita assai alti, i listini erano per forza di cose aggressivi, si guardava prima al prezzo (mercato per i giovani che di solito soldi ne hanno pochi). se i volumi di vendita fossero stati quelli odierni i prezi sarebbero stati altri. sulla potenza sopportata non mi esprimo, male vecchie jbl erano con specifiche pro dove la potenza sopportata ra solo apparentemente basa (50 watt applicati oer un tempo indefinito significa che la potenza reale sopportata è assai maggiore di quella rms).

 

 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, cactus_atomo ha scritto:

livelli di vendita assai alti, i listini erano per forza di cose aggressivi,

È per questo che oggi i prezzi dei componenti sono alle stelle. Come già ebbi modo di scrivere, perché posso trovare un ottimo pc portatile a 700/800 euro e un dac con moooolta meno elettronica a non meno di xmila euro? 

Stiamo pagando la mancanza di economie di scala, non la qualità intrinseca dell'oggetto. 😒

Link to comment
Share on other sites

2 minuti fa, 78 giri ha scritto:

posso trovare un ottimo pc portatile a 700/800 euro e un dac con moooolta meno elettronica a non meno di xmila euro?

beh di dac molto economici e bensuonanti ne trovi finchè vuoi,purtroppo nel nostro hobby vengono giustificati dagli appassionati prezzi fuori dal mondo con la solita frase: "ma suona molto (sfumature) molto meglio".

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

@Gici HV quelle sfumature, per chi le apprezza e le v Pwuole, fanno la differenza. tra la macchina di f1 che finice semrpe sul podio e quella che finisce sempre ultima, in termini di prestazioni assolute le differenze sono minime, ma quel minimo decide chi vince e chi perde. Per me un rosso è un rosso, per le mie amiche fissate con la moda, esistono decine di sfumature di rosso che loo sono in grado di valutare.

ognuno di noi ha una sua scala di valori, e decide se per avere poco di più vale o meno la pena di spendere molto di più

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators

Se si tornasse indietro nel tempo ,ed esistesse ancora Selezione del Reader's Digest, chissà se commercializzerebbero il dac low cost.

Link to comment
Share on other sites

@robyprof60 la sua uscita mi incuriosímolto. Ne feci un ascolto veloce ma comprendendo alcuni tratti che a me non garbavano.

Si esprimono bene solo alzando il volume.

E per farle cantare servono tanti, ma tanti watt buoni, ma buoni.

Per il resto mi sarei aspettato un impatto più grosso dal woofer, ma forse era appunto dovuto ad sottodimensionamento dell"amplificatore (le sentii con un hegel mi pare 190, ma non andavano...)

Ecco, avessi spazio, possibilità di alzar il volume ed in casa due McIntosh da 400watt le prenderei. 

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators

@cactus_atomo sai Enrico, ricordo di aver letto su un Quattroruote  del 1968 del Mobil Economy Run( gara a chi consumasse meno carburante)... a volte mi sembra che la passione ci accomuna in questo luogo virtuale, viri verso una spasmodica ricerca del risparmio.

 

Link to comment
Share on other sites

16 ore fa, paolosances ha scritto:

a volte mi sembra che la passione ci accomuna in questo luogo virtuale, viri verso una spasmodica ricerca del risparmio.

...o del buon senso.

Poi,per me,uno può spendere i propri soldi come meglio crede,non mi interessa, ma tutti possiamo avere le nostre opinioni.

Link to comment
Share on other sites

17 ore fa, paolosances ha scritto:

viri verso una spasmodica ricerca del risparmio.

Il risparmio è cosa buona e giusta, ma non deve andare a discapito della qualità del suono.

O se dovesse essere così per imprescindibili esigenze economiche, non va contrabbandato comunque per buon suono.

Quella che manca, a mio parere, è un bel po' di onestà intellettuale, sacrificata sull' altare del "tanto tutto suona uguale, e mediamente bene".

  • Thanks 2
Link to comment
Share on other sites

  • Moderators

@eduardo nella valutazione tecnica  di un qualsivoglia prodotto non prendo in considerazione il prezzo d'acquisto, mi soffermo sulle prestazioni. 

Poi, se dovessi esserne interessato all'acquisizione , entrerà in gioco il mio potere d'acquisto. 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, paolosances ha scritto:

nella valutazione tecnica  di un qualsivoglia prodotto non prendo in considerazione il prezzo d'acquisto, mi soffermo sulle prestazioni. 

Poi, se dovessi esserne interessato all'acquisizione , entrerà in gioco il mio potere d'acquisto

Certo.

Hai ragione,  per "comodita' "  ho quotato te per la frase "spasmodica ricerca del risparmio",  ma non mi riferivo a te  🙂 

Link to comment
Share on other sites

Il 6/10/2021 at 00:55, paolosances ha scritto:

E quindi?

Si chiama "target di mercato", il costruttore fa una cosa per venderla a qualcuno e la progetta di conseguenza.

Link to comment
Share on other sites

Il 6/10/2021 at 06:11, Montez ha scritto:

con woofer da 30. E che woofer.

 

.

Da ragazzo avevo le 4311 control monitor, se la sonorità, come si spera, è simile ne deriva la classica impostazione "vintage" (vedi post precedente).

 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...