Jump to content

Classe D è il futuro dell'amplificazione hi fi?


GuidoR
 Share

Recommended Posts

2 ore fa, NickMaro ha scritto:

Se suonano meglio dei miei xa mando una mail a Nelson e gli dico che è un pirla.

 

Non suonano meglio o peggio, suonano diversamente (e non poco).

Ma questo è un concetto per i più inaccettabile.

L'audiofilo mi ricorda quelle belle discussioni da ragazzini per stabilire se era più forte l'uomo ragno oppure hulk

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

20 minuti fa, pifti ha scritto:

Non suonano meglio o peggio, suonano diversamente (e non poco).

@pifti mi permetto di fare un paragone che può sembrare distante dal tema, ma ha una sua logica almeno per me.

Il rumore dello scarico di una Porsche è differente da quello di una Ferrari, ma sono comunque due super sportive.

Se quello che vuoi dire rispecchia quanto sopra, be allora è solo una mera questione di gusti e sensazioni all'ascolto, ma siamo comunque su ottimi livelli.

Ossido

 

Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, senek65 ha scritto:

come tutti i produttori di elettroniche

Non direi proprio...pensi che prendano tutti degli ampli già progettati e costruiti e li mettano solo dentro ad una bella scatola?

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, Lumina ha scritto:

Ho provato un Cambridge Audio Evo 150 (150 watt su 8 ohm) pensando di usarlo per dei mini poco efficienti. Con sorpresa non suonava più “grande” di un Naim Uniti Atom

Purtroppo hai ragione 

È un prodotto riuscito male 

Come già sostenuto da diverse persone qui non basta prendere questi moduli e collegarli alla bene meglio 

 

Link to comment
Share on other sites

@Ossido Era quello che volevo dire, grazie.

Se posso cercare di spiegarmi meglio seguendo il tuo paragone direi pure che non è possibile paragonare una Bentley con una Ferrari (o Porsche) perché sono prodotti troppo diversi, benché con entrambe puoi fare una gita in montagna.

Qualcuno preferirà l'una o l'altra, questo non significa che ce ne sia una migliore. Se si misura l'accelerazione si capisce quale primeggerà e il contrario per il comfort.

Quando arriveremo a capire che oggetti diversi nascono per diverse esigenze avremo fatto un bel passo in avanti. Altrimenti rimaniamo all'Uomo Ragno e Hulk.

Link to comment
Share on other sites

Ve lo saprò dire fra qualche giorno, complice 'sto ca...o di "black friday" ho fatto un acquisto (d'impulso) prendendo un Devialet 200 che andrà a sostituire (spero degnamente) una combinazione di pre a valvole e finale a SS in classe A da 38 watt/can entrambi autocostruiti (non da me ma da un amico...), che pilotano (egregiamente) una coppia di Klipsch Lascala prima serie....tutto nell'ottica di una semplificazione e migliore gestione/fruizione dell'impianto....incrociamo le dita!!!!!!

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Personalmente preferisco di gran lunga questi mono:

https://www.rougeaudiodesign.com/product-page/alauda-mb-4

che possiedo, ordinabili ora solo qui:

https://www.apollonaudio.com/hypex-nc2k-monoblock-amplifier-apollon-audio-nc2kslm/

che

aloia st2000, St240, St260

Shengya 203, 206

pass labs 350.5, pass labs 350.8, pass labs 250.5

chord spm 1200 mkII

Luxman 590ax, 509X

Estroarmonico Sternlicht 300B

Diversi MC

la lista è lunghissima.

Ammiro decisamente la serie nc1200 e nc2000 dell'hypex

Ho in casa icepower1200as1 e i limiti sono molto evidenti rispetto gli hypex appena menzionati e posso capire perchè potrebbero non essere preferibili a diversi amplificatori anche della lista sopra, ma costano sui 1400 euro un finale nuovo stereo, non si può pretendere moltissimo dunque.

Per quanto riguarda le serie minori sia di hypex che di icepower non le prenderei neppure in considerazione anche possedendo ed avendo posseduto icepower700as1, nc500, nc400, B & O e molti altri.

Ho provato Crown che lascerei stare per alta gamma su tutti i ilivelli, compreso le versioni più costose, come powersoft le serie M (che ho in casa), la serie T o X ad intera banda non le userei.

Poi dipende dai livelli che vogliamo arrivare, è facile che un modulo icepower700as1 suoni un po' asettico ma molto meglio a finali molto costosi. Dovremmo fare delle comparazioni in sinergie cercate, altrimenti come riferito da @AlfonsoD ci faremo molto male.

Ad esempio icepower1200as1 è molto sensibile alle correnti in ingresso ed al preamplificatore, rischiare alti fastidiosi o per contro poca dinamica è semplice. 

Se dobbiamo infastidire dei finali a 4 zeri, dobbiamo partire dunque almeno da icepower1200as1 (un modulo per canale), poi se passiamo a nc1200 o nc2000 con giusti buffer, o-amp, su finali ben implementati già si può ragionare. 

Sarà un ascolto leggermente diverso, come ogni finale è diverso. 

Per me è il futuro ed il presente dell'amplificazione, per la bassa e media gamma sta stravincendo.

Tutto suona bene? NO! perchè le altre classi si? 

Rapporto prezzo resa ottimo.

Non ho mai avuto l'onore di provare altissima gamma classe D per un fattore di prezzo.

 

 

Link to comment
Share on other sites

@pifti Non voglio fare uomo ragno contro superman per carità.

 

Ma l'obiettivo è quello di ascoltare uno strumento il più vicino possibile alla realtà.

La classe D ha notevoli vantaggi in termini di efficienza, dimensioni ,dissipazione in rapporto alla potenza, ma se parliamo di qualità di ascolto ho dei dubbi, per esempio:

 

- Linearità e distorsione del filtro Passa basso LC.

- Linearità del filtro al modificarsi della impedenza degli altoparlanti. (L si calcola fissando un valore 4/8/x Ohm).

- Linearità del generatore PWM.

- Controreazione applicata.

 

Per questi e altri motivi ritengo la Classe A il riferimento per mantenere il più possibile la qualità in base al segnale audio in ingresso.

Sono d'accordo che esistono anche pessime classe A, quelle le evito.

Il miglior amplificatore al mondo è quello che suona in base alle nostre preferenze.

 

Non vince ne l'uomo ragno ne superman, spero vinca per tutti la musica.

Con affetto.

 

Nick

 

 

@captainsensible CROWN

Link to comment
Share on other sites

11 minuti fa, Dubleu ha scritto:

aloia st2000, St240, St260

Shengya 203, 206

pass labs 350.5, pass labs 350.8, pass labs 250.5

chord spm 1200 mkII

Luxman 590ax, 509X

Estroarmonico Sternlicht 300B

Diversi MC

la lista è lunghissima.

Presumo tu li abbia ascoltati tutti.

Sarei curioso di sapere che pre hai usato, diffusori e se tutti questi amplificatori li hai ascoltati nella stessa stanza d'ascolto.

Per i Pass, non leggo XA, ma visto che la lista è lunghissima .......

 

Link to comment
Share on other sites

10 minuti fa, NickMaro ha scritto:

- Linearità e distorsione del filtro Passa basso LC.

- Linearità del filtro al modificarsi della impedenza degli altoparlanti. (L si calcola fissando un valore 4/8/x Ohm).

- Linearità del generatore PWM.

- Controreazione applicata.

 

Le prime tre non sono più un problema nelle buone realizzazioni moderne. 

La quarta, che te ne frega? 

 

Link to comment
Share on other sites

@aldofranci 

Se ti basta leggere sui data sheet valori stupefacenti di distorsione o dumping factor senza considerare come sono ottenuti, è evidente che ascoltiamo in maniera diversa, molto diversa.

La controreazione se usata a secchiate all'ascolto è deleteria ma nei data sheet invece viene vista come un vantaggio.

Distorsioni allo 0.00x e fattori di smorzamento sopra i 1000.

Ognuno poi fa quello che vuole.

 

Nick

 

 

Link to comment
Share on other sites

25 minuti fa, NickMaro ha scritto:

Se ti basta leggere sui data sheet valori stupefacenti di distorsione o dumping factor senza considerare come sono ottenuti, è evidente che ascoltiamo in maniera diversa, molto diversa.

 

Sicuramente ascoltiamo in modo diverso. 

Io non mi faccio condizionare da queste menate pseudo-tecniche, tu sì. 

È un po' come dire che la torre Eiffel mi pare brutta perché ho saputo che per metterla in piedi hanno usato un numero di bulloni superiore a quello che pensavo (o che il Guru pseudoprogettista di stacippa di turno mi ha convinto) essere giusto. 

 

Link to comment
Share on other sites

@NickMaro Avuti tutti! Ho 9 finali in casa in questo momento.

Nulla in XA, purtroppo ho scartato pass labs provandone 3ad intera banda.

Amo la loro musicalità (migliore dei miei hypex nc2k)ma non il pilotaggio ed il basso, sono sfumature, ma si vive di quelle.

In realtà c'è molta raffinatezza in Aloia, pass labs, Estro rispetto hypex nc2k ma in linea di massima preferisco l'ascolto di quest'ultimo se ad intera banda.

Un vero best per me è un krell 600 watt canale in classe A, un doppio pass labs (uno per diffusore) dei modelli 250 o 350 per avere tutto, ma i costi salgono e non poco.

Questi hypex sono ottimi per chi necessita e cerca pilotaggio ed alti volumi sempre precisi, ma non tutti abitano in una casa singola. Non sono economici, costano 5-6 mila euro in un case da 50 euro di limiera da 2mm. 

Un case in linea alle prestazioni ed all'arredamento li farebbe costare il doppio... ecco che già la battaglia si fa dura.

Confrontati NC2k con exposure MCX, vincono per il mio piacere i secondi se ad intera banda.

Classe D è una strada in mezzo a moltre alte, per giunta molto valida.

Il mio impianto maggiore prevedo che sarà dotato di pass labs 350.5 nella parte alta (in casa ora) ed un classe D sotto i 200hz (da definire quale)

Se amassi solo la classe D, la metterei ad intera banda anche in sistemi d 'altissima gamma, ma al momento ancora non ce la fa, vado allora di promiscuo.

Resta il fatto che è il futuro ed il presente di una certa fetta di mercato ed un certo target di utenze che è destinato ad ampliarsi. 

Per il discorso preamplificatori, sarebbe da aprire una discussione a se. Ottima con i valvolari, ma anche collegati direttamente ad un rockna dac/pre. Dipende dai gusti.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...