Jump to content

Classe D è il futuro dell'amplificazione hi fi?


GuidoR
 Share

Recommended Posts

8 ore fa, GuidoR ha scritto:

posso chiederti che pre e che finale hai proposto? O in generale che pre e finali proponi? Che differenze trovi rispetto alle catene a stato solido tradizionali?

Se intendi quello di ieri sera che ho citato è un integrato che ha la parte pre (vera) a valvole e usa una schedina Ice Power asx125.  Ha pilotato le Minima Amator con un autorevolezza, una grazia e una trasparenza encomiabili. Scena, profondità tridimensionalità....al punto che il cliente l' ha voluto acquistare seduta stante....

Altrimenti propongo un finale basato su moduli Powersoft. (orrore!)  I finali li declino in finale stereo o in due finali mono.  ( con schede diverse, ovviamente ma con la stessa tecnologia) 

Come suonano?  Personalmente li ritengo stupendi. Non suonano nel senso tradizionale in quanto il loro pregio è appunto la assoluta trasparenza. Trasparenza che và a nozze con il fatto che quello che li fà suonare realmente è quello che c'è prima.  Ovvero il pilotaggio. Sono oggetti che nascono per applicazioni pro del massimo livello e quindi lavorano tipicamente con segnali in ingresso "diversi" rispetto agli standard del mondo home.... ovvero vogliono essere gagliardamente pilotati in corrente....quindi se si vuole il massimo, pilotaggio in bilanciato, ottenuto da trasformatori ( guardate i Jeff Rowland...) e da tubi che hanno corrente da vendere e impedenza interna molto bassa....( ovvero il solito pre a valvoline si li fà suonare...ma per pilotarli...ci vuole ben altro...)

Come ho già scritto NON sono il massimo assoluto.

 

   ( un ampli a valvole "fatto bene" ovvero con una circuitazione performante, ottimi componenti, e trasformatori di eccellenza... è più ricco armonicamente, più "naturale" e con un "respiro" superiore. Ma, per la mia esperienza, pochi, molto pochi ne coglierebbero la finezza ....E' una questione delicata, che ha a che fare con la percezione e la cultura personale di ascolto. Per chi NON ha esperienza di pratica musicale con strumenti acustici o ascolti frequenti, il "mondo" dell' amplificazione digitale è paradossalmente più "fedele" a quella che per molti è l' esperienza musicale.....ovvero mediata attraverso sistemi di amplificazione elettroacustica.

Sono convinto però che un sistema con amplificazione digitale, ma MOLTO ben ottimizzato ( non una schedina usata con le competenze medie dell audiofilo...) possa soddisfare tranquillamente il 95% delle esigenze musicali.  

Per l' altro 5% ovviamente c'è altro....

 

 

  • Melius 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

17 minuti fa, jakob1965 ha scritto:

Sarà  - per chi ama il suono durettino e forte - certo che dire  filo di guadagno la classe D

leggi bene cosa ho scritto.

Le schede da sole suonano come dici. Un tecnico (che conosce il suo mestiere...) te la fà suonare come vuole lui...

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, bombolink ha scritto:

Purtroppo è così, perché mancano gli armonici.

 

🤣🤣😂😂🤣🤣 

stavo aspettando che qualcuno partisse con l'epopea degli armonici rapiti.

Hai vinto un mappamondo. 

  • Haha 2
Link to comment
Share on other sites

24 minuti fa, jakob1965 ha scritto:

per chi ama il suono durettino e forte

Gli hypex 1200, per esempio, non hanno nulla di duro e forte ma solo tanta aria e trasparenza 

Link to comment
Share on other sites

33 minuti fa, jakob1965 ha scritto:

bisogna fare incetta dei Sugden e congelarli - solo l'idea che non costruiscano più oggetti simili, mi fa rabbrividire

Sic transit gloria mundi  

 

Ma che sarebbe, qualcosa tipo sto accrocchio qua:

https://www.stereophile.com/content/sugden-a21ai-series-2-integrated-amplifier-measurements

 

La discarica sarebbe forse eccessiva (forse...), sventrarlo per recuperare componentistica mi pare già una buona idea. 

 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

@Ossido io ho i finali Belcanto Ref600M abbinati ad un pre VTL 2.5i. Le armoniche ci sono tutte ed il suono è sostanzialmente quello del PRE e della sorgente a valle. Il buon finale è quello che sparisce garantendo la dinamica ed il giusto dettaglio. Io son pienamente soddisfatto.

In generale non c’è un bene assoluto o un male assoluto. Ci sono tante sfumature nel modo di costruire una catena audio che suona nel suo complesso.

Saluti

 

Link to comment
Share on other sites

@ilbetti Grazie, mi sembra di capire siano amplificatori artigianali. Interessante la combinazione valvole/ classe D

 

Comunque Mi sembra che la classe D sia una tecnologia ancora giovane, con tanto potenziale da esprimere per il basso costo, l’elevata potenza, la trasparenza, la piccola dimensione, che non è poco. 

Link to comment
Share on other sites

@GuidoR Non ho letto tutto il thread e quindi non so a cosa ti riferisci. Devialet ascoltato una volta e non mi è piaciuto ma come detto difficile farsi un idea con un ascolto fugace anche perchè a suonare non era devialet ma la catena in cui era inserito che adesso non ricordo proprio.

In HIFI ci sono oggetti di tutti i tipi e di tutti i prezzi. Ognuno sceglie in base al proprio portafoglio e alle proprie esigenze ma questo è vero per tutto e non solo per la classe D.

Saluti

Link to comment
Share on other sites

@aldofranci terremo in frigorifero la componentistica - comunque credo la classe D esista ormai da 20 anni - giusto ? Il futuro è già qui - quindi vedremo fra 5 -10 anni (se ci viene concesso di stare ancora qui un pochino) se è vera la fosca (anzi visto i commenti sul suono) .. la trasparentissima , pulitissima , soave (mi fermo) previsione ..

 

Sono già alla riva del fiume con il retino di mia figlia per le conchiglie .... chissà non trovi somme porcherie come Burmester, Accuphase, Sugden, Pass etc....

 

Aspetto che altri brand e macchine vengano adorati al tempio del Dio Suono e vengano eseguiti sacrifici in loro onore .. 

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

10 ore fa, aldofranci ha scritto:

stavo aspettando che qualcuno partisse con l'epopea degli armonici rapiti.

Hai vinto un mappamondo. 

Capisco che per chi apprezza il suono cartonato la questione degli armonici sia una barzelletta, ma il mio pensiero è condiviso da molti appassionati e progettisti nel mondo (fatti un giro sui forum mondiali).

Temo quindi che tu ti debba procurare un consistente numero di mappamondi.

Link to comment
Share on other sites

7 ore fa, jakob1965 ha scritto:

Sono già alla riva del fiume con il retino di mia figlia per le conchiglie .... chissà non trovi somme porcherie come Burmester, Accuphase, Sugden, Pass etc....

Dimmi quale fiume, arrivo con la rete a strascico.

 

Link to comment
Share on other sites

FabioSabbatini

Fate gli audiofili troppo furbi 

Si terranno i vetusti sarcofagi fino alla tomba, e lasceranno scritto di essere tumulati assieme ai vari Burm Accu Macco ecc...

Nzomma non c'è trippa per gatti 

Né vecchi cassoni ruzzosi giù pei fiumi 

🙂

 

Link to comment
Share on other sites

Non ho letto tutta la discussione, sorry.

Porto solo la mia più che positiva esperienza di un'accoppiata ARC LS-25mkII (ibrido) come pre e i mono NuPrime ST-10M (Classe D) come finali: io sono molto soddisfatto. Potenza, raffinatezza, dolcezza e dettaglio.

Link to comment
Share on other sites

@FabioSabbatini Azz devo farmi la bara più grande.

Al di la delle battute.

Io amo ascoltare la musica ma il "gusto" dell'ascolto deve esserci.

Quindi se ascolterò qualsiasi cosa in classe D o T o CZ o RTS o qualunque altra classe che mi permetta di ascoltare meglio di come ascolto oggi, ben venga, sono pronto.

Gli ampli in classe D li usavo professionalmente molti anni fa.

Per animare le folle a suon di watt e birra erano stupendi.

 

Ora se qualche produttore ha trovato il sistema di farli suonare come un classe A (non sono un talebano della classe A, ma per me, soprattutto se single ended, rimane il modo più fedele per ascoltare la musica) sono pronto al futuro.

Risparmio sulla bara e non vado alle 5 al fiume a raccogliere "cassoni ruzzosi".

Con simpatia.

 

Nick

 

 

Link to comment
Share on other sites

FabioSabbatini
5 minuti fa, NickMaro ha scritto:

Io amo ascoltare la musica ma il "gusto" dell'ascolto deve esserci.

Totale sintonia 

 

Ed è questo l'unico reale motivo che mi fa tanto apprezzare i tanti vari MBL, Jadis, Symphonic line, Einstein che ho (o avuto, ahimè, nel caso Jadis)

Il suono certo

Il gusto 

Eppercio' anche l' estetica, feeling che poi diventa suono percepito 

Difficile che uno scatolotto classe D mi dia le stesse sensazioni 

Ma certamente non è una questione di suono 

Quindi se uno mi chiede se i classe D suonano bene, l'unica risposta che do è quella che ritengo più realistica e tecnicamente sensata. E cioè, certamente non meno bene degli altri 

Mutate le mutande, ca va sans dire 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...