Jump to content

Classe D è il futuro dell'amplificazione hi fi?


GuidoR
 Share

Recommended Posts

...ieri sera, con un modesto e infinitesimo modulo ice power asx1252 pilotato da un un mio front end a valvole ascoltavamo a casa di un cliente con una coppia di Minima amator. Non eravamo in un salone, ma in un (bel) ambiente quasi dedicato, molto assorbente ( tanti libri, divani, tappeti) e l' ascolto ha sorpreso per dinamica, velocità pilotaggio imperioso...

Il test si è concluso con l' ordine da parte del cliente del sistema in questione. ( piccolo integrato linea "L' Integrale")

Avrà dati tecnici sballati?  Poca potenza continua? Non sembrava proprio...

( e il cliente soddisfatto che acquista...da parte del costruttore questo conta...)

Link to comment
Share on other sites

@ilbetti confermo, ho usato anch'io il 125x2 per un'applicazione non impegnativa e senza nessun interfacciamento particolare (sorgente con Zout molto bassa).

La potenza continua, che Icepower dichiara in circa 60W, c'è tutta.

Ed anche il suono, nonostante, ripeto, non sia certo curato al meglio, è decisamente buono.

Link to comment
Share on other sites

@fauntleroy non ti do ragione. 

In bocca al lupo ai futuri possessori. Senti rougeaudiodesign e compra un finale da loro e senti che cosa ti raccontano, visto cher ne ho 8 di finali loro, dopo 4 finali nordasoustic e 2 B & O, etc etc

Come immgino presumo che non sai neppure di moduli saltati, perchè poer te classe D è solo over de top; pur possedendola so che limiti ha.

Link to comment
Share on other sites

@Dubleu  quindi se chiamo Rougeaudio mi diranno che i loro ampli fanno schifo e non rispettano le specifiche?

O che saltano?
Poi, io non so, non avendone mai avuto sotto mano, come siano realizzati i loro classe D.

Ad esempio, lo sai bene che un ampli in classe D richiede un'attenzione particolare all'alimentazione per evitare il bus pumping, vero?
Tu sai cos'è il bus pumping, vero?

Dove poi avrei scritto che per me la classe D è over the top?

Quindi nemmeno io ti dò ragione, anche perchè io ti sto proponendo misure (l'hai cercata quella prova?), tu mi stai proponendo chiacchiere ed impressioni.

 

Link to comment
Share on other sites

@ilbettiilbetti posso chiederti che pre e che finale hai proposto? O in generale che pre e finali proponi? Che differenze trovi rispetto alle catene a stato solido tradizionali? Prezzo immagino, ma anche qualità? Sono convinto vi siano delle peculiarità. 

Io ho un supernait 2 con hicap dr che pilota delle pmc twenty5 26, 80 watt per canale correntosi, mi domandavo cosa potrebbe estrarre dalle casse un classe D con un buon pre e una potenza decisamente diversa. Cosa ne pensi? Cosa consigli?

 

Grazie 

Link to comment
Share on other sites

@roop qui però non si tratta sempre dello stesso modulo con qualche piccola modifica 

L'ottimizzazione sta nel capire quale modulo si abbia per le mani e come farlo suonare al meglio...non basta il dacchino... 

Link to comment
Share on other sites

@Cano non ci penso nemmeno a cambiare, sono molto contento del mio impianto, ma mi domandavo come suonerebbero le mie casse con un classe D con tanta potenza, se solo con volume più alto o riuscirebbe a mettere in risalto le dinamiche del suono anche a bassi volumi. Guardando dei grossi MKintosh con i Vu meter, ho visto che in certi passaggi segnavano molta corrente anche a bassi volumi, mi sono quindi chiesto se un ampli di grande potenza potesse esaltare le sonorità anche a bassi volumi, in modo diverso rispetto al mio amato Naim.

Potrebbe essere un secondo ampli da affiancare, visto che ho 2 streamers potrei anche dedicargliene 1, un giorno potrebbe diventare un secondo impianto. Interessante questa rouge audio, propongono tante varianti ma sembra abbiano qualità e sono italiani di Roma. Ciao

Link to comment
Share on other sites

Ma secondo voi finali di potenza commerciali come il Cyrus Stereo 200 o il PS Audio Stellar s300 o magari ad un prezzo più basso il Nuprime AMG Sta sono prodotti che ritenete validi musicalmente tanto da impegnarsi per un ascolto?

Link to comment
Share on other sites

@Dubleu ...lo dissi tempo fa. La cosa più sottovalutata è la dissipazione termica. ( e saper leggere i datasheet..)

Se lo leggi bene c'è scritto che la potenza continua senza preriscaldamento è di 1000W per 15 secondi.

E i limiti che dici, (40W) è nella condizione di "senza dissipazione " da leggere come usando il minimo dissipatore che viene fornito., Se lo si dissipa adeguatamente non dico i 15 sec continui li regge ma almeno 8-10 sicuramente.

I finali, scaldano, nessun dispositivo ha un rendimento del 100% e anche se fosse del 90%  100w da dissipare li ritrovi in calore.  Le giunzioni dei dispositivi attivi NON possono superare più di 120°C in ogni caso (meglio 80...)  almeno con la fisica di questo universo...

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Leggo sempre con piacere le discussioni sulla classe D in quanto interessato all’acquisto di un finale in questa classe, vorrei porre una domanda, a chi ha effettuato il “guado” passando dalla classe A-AB alla classe D,  quali sono state le differenze/sensazioni di miglioramento generale, dal punto di vista della godibilità nell’ascolto della nostra amata musica. Ringrazio chi risponderà (senza numeri, watt, indici di potenza, tabelle, ecc ecc.) a questa mia domanda.

Ossido

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, jerry.gb ha scritto:

Ma secondo voi finali di potenza commerciali come il Cyrus Stereo 200

Questo a mio avviso non è un prodotto indovinato, meglio i loro finali classici 

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, Dubleu ha scritto:

icepower evidenzia ciò, ma sono solo dentro la mia testa.

Bisognerebbe sapere cosa intendano perché le misure dicono altro da quello che vai sostenendo 

Link to comment
Share on other sites

@Ossido dipende sempre dagli abbinamenti, come per tutte le cose

I prodotti migliori non mancano di raffinatezza o contenuto armonico, ma la loro caratteristica principale è l'elevato fattore di smorzamento che li rende adatti per quei diffusori che richiedono controllo in gamma bassa, per questo stesso motivo possono risultare un po' critici nell'abbinamento con diffusori di piccole dimensioni che possono dare un risultato eccessivamente asciutto 

Tutto questo in linea di massima ovviamente 

Link to comment
Share on other sites

19 minuti fa, rcf ha scritto:

vuoto

Purtroppo è così, perché mancano gli armonici.

D'altronde con quei tassi di feedback al momento non si può fare meglio.

Gli unici ampli a commutazione che mi hanno convinto in pieno sono gli AGD Vivace, a costi però non proprio popolari.

Ma lì c'è una ricerca vera ed un dispositivi finale piuttosto evoluto, niente modulini cinesi della mutua.

Link to comment
Share on other sites

captainsensible
2 minuti fa, bombolink ha scritto:

Purtroppo è così, perché mancano gli armonici.

Ah, forse manca la distorsione armonica o di intermodulazione, scambiata per "armonici".

Si....può essere....

 

CS

Link to comment
Share on other sites

Aldilà delle risposte più o meno provocatorie e di considerazioni mere sul costo degli oggetti la risposta può essere solo una : si. 
il futuro è la classe D per l’hifi. Ci sono ottime realizzazioni e la diffusione sarà sempre più massiccia. Ci sono diversi pro legati a questo, consumi peso, potenza ecc. non soffermiamoci però sulle schede tecniche che sono fondamentalmente inutili ma andiamo a vedere come suonano. Suonano bene non è un mistero quindi accontentano un po’ tutti. 
Il punto però è che si fermano al “suonano bene” per l’eccellenza rimangono ì classe A, gli AB ben fatti e alcuni valvolari. Certo si fanno pagare ma chi vuole il meglio sa dove cercarlo. La domanda però non è se la classe D e il futuro di chi “vuole il meglio” per cui torniamo alla risposta di prima. Poi se le altre classi spariranno (non credo) o costeranno di più (può essere e già in parte lo è) e unaltro paio di maniche. Io mi tengo strette le mie costose, poco efficienti, pesanti e ingombranti amplificazioni. 

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

11 minuti fa, Turandot ha scritto:

Io mi tengo strette le mie costose, poco efficienti, pesanti e ingombranti amplificazioni. 

Anche io me le tengo strette.😉

 

 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Quando la nostra , ormai attempata, generazione sarà scomparsa,  le nostre grosse, ingombranti, pesanti , divoriatrci di energia, costose amplificazioni finiranno in una discarica.  

Non se le terrà strette nessuno. 

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...

You seem to have activated a feature that alters the content of pages by obscuring advertisements. We are committed to containing advertising to the bare minimum, please consider the possibility of including Melius.Club in your white list.