Jump to content

Classe D è il futuro dell'amplificazione hi fi?


GuidoR
 Share

Recommended Posts

FabioSabbatini
8 minuti fa, NickMaro ha scritto:

nessuno ha l'anello al naso.

È una opinione rispettabile

8 minuti fa, NickMaro ha scritto:

Non funziona così a casa mia

Non ho difficoltà a crederti

 

Link to comment
Share on other sites

su alcuni aspetti sono semplicemente inarrivabili. Senza se e senza ma. In altri NO.

Ovviamente stà al "buon senso" ed alla cultura tecnica dell' utilizzatore capirne limiti e virtu'.

Faccio un esempio pratico:  ho in catalogo un ampli a tubi che amo allla follia, e un finale ricavato da moduli digitali 100%made in Italy...  uno costa 7 volte l' altro ...quale è meglio?

La mia risposta è semplice....dipende con cosa lo abbini e cosa ascolti.

Se si hanno i "giusti" diffusori e si ascolta musica "vera" le vetuste e sorpassate valvole hanno il loro perchè...

Se si hanno diffusori che vogliono corrente a volontà e un carico "difficile" e magari si ascolta prevalentemente musica "elettrificata"...non ho dubbi, un pre a tubi e un finale digitale possono risolvere molti problemi e la qualità può essere incredibilmente alta.  ( ma non parlo di modulini e di "valvoline"...)

 

saluti "pwm"

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

FabioSabbatini
46 minuti fa, NickMaro ha scritto:

Siamo seri per favore ....

Se per te essere seri vuol dire che vale solo quello che ti dicono che ciò che vendono suona più meglio, ok per te 

Se per te essere serio vuol dire che solo un ampli in purissima classe A++ (mejo delle lavatrici...) o simile, può ambire ad essere considerato bensuonante, buon per te 

Per me essere serio vuol dire non credere solamente alle belle storielle 

Link to comment
Share on other sites

@FabioSabbatini Fabio, scusami.

Intendo che sembra dal tuo testo che ci siano persone che spendono dei bei soldi e sono dei cretini.

Non è assolutamente così, nessuno butta il denaro.

Ma non puoi dirmi che gli apparati sono tutti uguali e chi paga di più è scemo.

Da qui il mio siamo seri.

Con simpatia ... Nick

 

Link to comment
Share on other sites

FabioSabbatini
1 minuto fa, NickMaro ha scritto:

sembra dal tuo testo che ci siano persone che spendono dei bei soldi e sono dei cretini.

Sembra così? 

1 minuto fa, NickMaro ha scritto:

Con simpatia ... Nick

Ricambio senz'altro

 

1 minuto fa, NickMaro ha scritto:

nessuno butta il denaro

Opinione rispettabile 

Non concordo 

O meglio

Io formulerei diversamente 

Nessuno spende denaro credendo di spenderlo inutilmente rispetto ai propri obiettivi e intenzioni

Secondo me invece tanti lo fanno (o meglio lo facciamo...chi più chi meno vale anche per me...) 

🙂

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Mi sembra che stiamo andando fuori tema, la domanda era: "Classe D è il futuro dell'amplificazione HI FI?"

le risposte sono: sì, no, nì.

Ma se sì perché i grandi marchi HI End non fanno prodotti in classe D?

Una possibile risposta (mia) è stata: " perché come farebbero a vendere un ampli in classe D a 30K€?"

e, ad esempio, un Dan D'agostino ce lo vedete a fare un classe D con case di alluminio ricavato dal pieno con tachigrafi in swarovski incapsulati nel frontale a misurare chissà cosa? 

Link to comment
Share on other sites

Ad esempio, questo è disponibile al prezzo di €30.500.

Capite? è disponibile!! e ci mancherebbe. Cosa conterrà mai per costare così. Oppure chissà quale impegno nella progettazione di questa meraviglia. Madddai!

 

image.png.a33dc0e374f95c69544b11b382a1c239.png

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

  • Administrators

La classe d è il futuro della amplificazione, roccupa poco spazio non scalda, consuma poco e pesa niente. È già presente massicciamente in ht (un ampli 7 canali a valvole non è pensabile) nei services (quello che richiedeva un tir oggi basta un pulmino). 

Le grandi case si muovono con i piedi di piombo, il loro know how non serve  E devono riprogettare tutto. L'importante è che non si pensi alla classe d solo come ad un sistema economico, lo stesso chip può essere implementato in modi differenti. 

Poi sul suono de gustibus

 

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators

@Mattylla questo vale per tutti i settori del lusso, abiti firmati, orologi, profumi, nessuno ci obbliga a spendere 30.000 euro per un ampli, specie se siamo convinti che c'è ne siano di altrettanto validi a molto meno.. 

Link to comment
Share on other sites

FabioSabbatini

Ecco state sempre a parlare di soldi! 

Come siete veniali! 

🙂

Parliamo di cose serie! 

Parliamo del nero interstellare che solo un classe a++ può dare 

Se costa sessantamila poi,  diventa automaticamente a+++

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...