Jump to content

Classe D è il futuro dell'amplificazione hi fi?


GuidoR
 Share

Recommended Posts

@naim hai ragione,  è sempre il nostro orecchio che preferisce un prodotto rispetto ad un altro.

Non esiste il massimo, esiste quello che ci piace e questa è la cosa più bella.

 

Link to comment
Share on other sites

jakob1965

@FabioSabbatini suonassero male i D'agostino ... ehm purtroppo no ... mannaggia - a me per quelle 2 volte che li ho sentiti - forse le cose migliori sulla terra -

 

Vero costano tanto anzi tantissimo (sob)

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

jakob1965

@captainsensible e allora tutti in mano a questi 3 o 4 OEM che fanno i moduli per tutti - potenze terrificanti a go go - evviva - se questo è il futuro dell'amplificazione ...

 

Poi bisogna iniziare a  dire il concetto fi funzionamento della classe D  - appassiona poco almeno a me - 

Link to comment
Share on other sites

7 ore fa, jakob1965 ha scritto:

potenze terrificanti a go go

ma hai visto le schede tecniche? dichiarano potenze impulsive a volte anche di 0.04 secondi (40 millisecondi). In realtà un bel modulo che dichiara 1200w 4ohm fatica a dara 120w 8ohm in continuo, si nota ciò se si ha un bel finale da 100watt in ab.

Link to comment
Share on other sites

fauntleroy
46 minuti fa, Dubleu ha scritto:

ma hai visto le schede tecniche? dichiarano potenze impulsive a volte anche di 0.04 secondi (40 millisecondi). In realtà un bel modulo che dichiara 1200w 4ohm fatica a dara 120w 8ohm in continuo, si nota ciò se si ha un bel finale da 100watt in ab.

Dubleu, è da un po' di discussioni qui e là che proclami questo presunto comportamento dei classe D e sembra che per avere 50W in classe D si debba utilizzare un modulo da 1kW.
Ora, io non so se i classe D che utilizzi e/o hai utilizzato abbiano questo comportamento, ma bisognerebbe anche precisare che NON è la regola.

In una prova su una nota rivista italiana del settore furono misurati i moduli UcD700 della Hypex e, guarda un po', rispettavano le specifiche, in quanto pur essendo sottoalimentati (mi pare sui 70V anzichè 85) erogavano 360W continui su 8 ohm e 590W continui su 4, con ottima stabilità al variare della fase del carico.

Che sono le potenze dichiarate nelle schede tecniche, continue e con tassi di distorsione abbondantemente inferiori all'1%.
I famosi Watt "impulsivi" arrivavano in questo caso a 400 ed 800, sempre con moduli sottoalimentati.
Quindi, se un costruttore serio dichiara che il suo modulo eroga X Watt in maniera continua, è quasi certo che quel modulo erogherà X Watt.

Se altri non soddisfano questo requisito evidentemente non sono costruttori seri, ma comunque cerchiamo di evitare di diffondere notizie inesatte o incomplete.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

@fauntleroy  Non ho fatto misure, ma il mio SMSL da9, che dichiara 50 watt su 8 ohm, "spinge" nettamente di più dell'altro ampli che possiedo, Creek 4040 s2, che è dichiarato 35 watt su 8 ohm, e sul quale non ci sono dubbi sui dati di targa. La differenza di potenza fra i 2 ampli risulta evidente sin dal primo ascolto.

Link to comment
Share on other sites

captainsensible

@jakob1965 La tendenza è quella, ormai tutta l'elettronica è migrata verso il digitale, e l'unico baluardo analogico è rimasto l'audio domestico, finchè produrranno i componenti adatti.

Ci si può consolare con le valvole.

 

CS

Link to comment
Share on other sites

fauntleroy

@Branch ma infatti, ci sono costruttori seri che rispettano le specifiche ed altri che non lo fanno.

Io stesso ho preso un amplificatorino cinese da 50 euro per amplificare una TV.

Dichiarati 50W, in realtà molti meno, ma non mi aspettavo niente di più.

I miei moduli Hypex, invece, dichiarano 240W e quelli ci sono tutti...

Link to comment
Share on other sites

@ilbetti hai ragione: l’ ottimizzazione fa sicuramente una “certa” differenza. Ma si sta andando in modo preoccupante verso quello che già accade con i tv. Prendi gli oled: il pannello è sempre Lg. Poi Panasonic e Sony ottimizzano meglio. Ma a detta di loro stessi non è che possano avere chissà quali margini di manovra. I difetti del pannello rimarranno più o meno uguali su tutti i marchi, così come il “family feeling”.Questo perché la tecnologia di tv e telefonini non è alla portata che di pochissimi che ci capiscono e richiede investimenti e ricerca VERI ( o very).Non a caso nessuno fa magheggi e tweak vari sui tv come in campo audio (cambia caps, sostituisci cavo, metti la resistenza in epiguro). È il progresso, bellezza!

Link to comment
Share on other sites

7 minuti fa, roop ha scritto:

si sta andando in modo preoccupante verso quello che già accade con i tv.

Perché preoccupante? Un abbassamento dei prezzi e prestazioni migliori mi sembra tutt'altro che preoccupante,certo per alcuni potrebbe essere la fine o quasi dei giochi,mi domando perché il miracoloso cavo d'alimentazione non dovrebbe essere altrettanto miracoloso su un TV...

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

5 minuti fa, Gici HV ha scritto:

Perché preoccupante? Un abbassamento dei prezzi e prestazioni migliori mi sembra tutt'altro che preoccupante,certo per alcuni potrebbe essere la fine o quasi dei giochi,mi domando perché il miracoloso cavo d'alimentazione non dovrebbe essere altrettanto miracoloso su un TV...

Carissimo, ma c' hai proprio la fissa di sti prezzi??!! 😁

Chissà perchè classe d deve far, per forza rima, con prodotto "cheap" (si, ok, non fa rima...😅)

Io parlavo di altro...Due moduli uguali suoneranno spesso in maniera riconoscibile (a meno di non dare il proprio "colore" a tutti i costi). Non sarebbe bello se Accuphase suonasse molto, troppo simile a Burmester e Conrad Johnson, non credi??

Succede in tutti i campi, cibo compreso: omologazione. 

Ci sono, comunque, già moddatori "avanzati" pure nella classe D, ripensandoci. Ma le schede mica le toccano. Modificano tutto il resto. Parlo di diy.

Link to comment
Share on other sites

@roop ..in parte è esattamente cosi. la tecnologia che stà "dentro" quei moduli è VERA tecnologia e da tecnico ho il dovere di coglierne gli aspetti migliori ed utilizzarli al meglio.

Personalmente credo che un ottimo modulo digitale BEN pilotato soddisfi almeno il 95% della richiesta di qualità in questo settore... per il rimanente 5% ci sono le valvole. Però quelle FATTE BENE e con amplificatori che NON sono "soprammobili con le lampadine"......( e poi ci sarebbe da dire chi è in grado di cogliere le VERE differenze...quando vedo l' audiophilo che mi "prova" l' impianto con quelle vocine sfigate di cantanti melense o registrazioni "buone"ma musicalmente improponibili....devo reprimere a volte l' istinto omicida....  

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

@fauntleroy ho hypex nc2k in casa ed icepower1200as1, le case madri dichiarano una potenza in continuo mediamente di un quinto del dichiarato, un modulo iceower1200as1 (per un singolo canale) dallo stesso costruttore rougeaudiodesign dichiara sui 120w 8ohm in continuo, lo stesso hypex nc2k che eroga 2500watt 4ohm , in continuo eroga sui 320w 8ohm. Coprane un pochi, studiali, poi se la pensi ancora così, ma non ti accorgi dei rendimenti sarai fortunato.

Labgruppn fp10000q con i suoi 2x2500watt con le ventole da 52db è in grado di erogare circa 660watt in continuo, ma pur avendo di tutto in casa, non ci capisco molto. Amen. 

Lascio a te ed ad altri la ragione, consiglio vivamente lo studio e non l'acquisto a naso. Le mie battaglie le ho già fatte, liberi di farvi male da soli. Avivsati siete stati avvisati.

Link to comment
Share on other sites

13 minuti fa, roop ha scritto:

Non sarebbe bello se Accuphase suonasse molto, troppo simile a Burmester e Conrad Johnson, non credi??

No,credo che l'alta fedeltà sia una,2 impianti che suonano molto diversamente per scelte commerciali,ad esempio i 2 da te citati, secondo me,vuol dire solo che uno dei 2,o forse entrambi,puntano al myfi non alla corretta riproduzione dell'incisione.

Più ci ci si avvicina al top le differenze dovrebbero essere sfumature,invece...

Link to comment
Share on other sites

280 watt 4ohm 1% distorsione, potenza totale di un singolo modulo icepower1200as (da dividere per due se usato in stereo)

calcola il valore in 8ohm ad una distorsione accettabile e vedi che resta circa 120watt misurati.

Screenshot (3).png

Link to comment
Share on other sites

fauntleroy

@Dubleu io ti sto parlando di misure, non di impressioni.

Non conosco gli NC2K, ma gli UcD700 dichiarano 400W su 8 Ohm e 700 su 4, e quello fanno.

Non per 4 millisecondi col 10% di distorsione, ma continui e con lo 0,0... di distorsione, anche su carichi reattivi.

Cerca la prova in rete, si trova facilmente.

Ripeto: misure.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

fauntleroy
1 minuto fa, Dubleu ha scritto:

calcola il valore in 8ohm ad una distorsione accettabile e vedi che resta circa 120watt misurati.

Scusa, ma senza misure come fai a decidere che valori assumerà la distorsione ad 8 Ohm?

Non è che ci sia una regola fissa, ogni amplificatore ha la sua figura di distorsione.

Poi, ripeto, se Icepower dichiara dati farlocchi io non posso farci niente, ma nel caso di Hypex i dati dichiarati corrispondono alla grande ai dati misurati, almeno nel caso degli UcD.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

19 minuti fa, Gici HV ha scritto:

No,credo che l'alta fedeltà sia una,2 impianti che suonano molto diversamente per scelte commerciali,ad esempio i 2 da te citati, secondo me,vuol dire solo che uno dei 2,o forse entrambi,puntano al myfi non alla corretta riproduzione dell'incisione.

Più ci ci si avvicina al top le differenze dovrebbero essere sfumature,invece...

si, anche la donna è una...

A me piacciono le modelle. A qualcun altro le ciccione.

Cos'è my-fuck?🤗

Link to comment
Share on other sites

@fauntleroy

Vedo scritto che a lungo termine (fondo pagina)produrra sui 2 ohm 350watt (si presume all'1% di distorsione)

Se tanto da tanto darà un rapporto 1 a 3.5 sui 8ohm, ovvero 125watt circa sui 8ohm sempre all'1%.

UDC è pure antiuquato come modulo, il 700 ha una resa in continuo sui 100watt.

Poi essere felici perchè ne usiamo una parte. 

38ampere per 40millisecondi, si traducono in 0,040 secondi di picco.

Nessuno dichiara mendace, chi legge si gongola pensando ciò che vuole. 

Un modulo così volendo se lo mangiano delle librerie da 16cm di woofer, se li compriamo perchè ci servono i WATTONI abbiamo fatto un errore, orrore!

I valori sono sempre a 25° celsius e ventilati. Mi pare che alcuni dichiarano un dimezzamento della potenza ogni 10 gradi.

La nostra fortuna è che ascoltiamo a pochi watt di norma, ma se ne abbiamo bisogno di molti e veri, bisogna saper leggere i dati. Se pensi di amplificare correttamente  diffusori importanti, sbagli.

Screenshot (5).png

Link to comment
Share on other sites

@roop scusa ma lo scopo dell'alta fedeltà ( e ancora di più dell'hiend,che è solo alta fedeltà costosa) non dovrebbe essere quello di riprodurre il più fedelmente possibile il segnale musicale? Se 2 impianti riproducono lo stesso segnale in maniera nettamente differente,per me, c'è qualcosa che non va..     ..poi possono essere entrambi piacevoli o meno.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...