Jump to content

Blues : lp/cd/sacd da avere assolutamente


ar3461
 Share

Recommended Posts

Progressive
1 ora fa, ilpallino ha scritto:

Assoli di Clapton bellissimi e "interventi" di Allman da poeta.

Vero 👍 disco splendido dall'inizio alla fine.

Peccato per la registrazione non all'altezza del disco.

Link to comment
Share on other sites

loureediano

Il Blues, che musica!

Di quelli citati li ho praticamente tutti, uno dei dischi che me lo ha fatto conoscere ed amare è

Hooker 'n Heat

Link to comment
Share on other sites

@samana questa è davvero una gran bella. Lista... Grazie, ora la stampo e li  cerco un po' per volta, anche se ad occhio una decina li dovrei già avere.

Come supporti penso che i vinili originali siano carucci, meglio ristampe in vinile  e target cd per il digitale?

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, ar3461 ha scritto:

meglio ristampe in vinile  e target cd per il digitale?

Ahime’ mi spiace ma non saprei davvero come aiutarti, sono cresciuto nell’era del cd.. 

2 ore fa, ilpallino ha scritto:

BB King, come non metterci anche "LIVE AT THE APOLLO

Che ti devo dire, fosse per me metterei l’intera sua discografia.. 

Ma sarebbe sfacciatamente fuori tema.

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...
Summerandsun

Aggiungerei alla lista della spesa i Cannes Heat. Tutti i loro dischi fino a Future Blues. Erano bianchi e avevano derive psichedeliche, quindi non tutti i brani sono puro blues, ma il blues lo conoscevano e lo sapevano suonare. Altroché se lo sapevano fare.

Tra l'altro il cantante era un grandissimo collezionista di dischi blues del passato

Link to comment
Share on other sites

Summerandsun

Un'ascoltatina, ma anche qualcosa di più, la darei a Blue & lonesome dei Rolling Stones.

Lo so, qualcuno avrà avuto le convulsioni, non è un disco epocale. Secondo me però ha qualcosa. Cattura una band che si diverte in sala prove. È imperfetto e intenso. Non la solita registrazione blues patinata perfettina che non ha nulla a che fare con il blues

Link to comment
Share on other sites

samana
5 minuti fa, Summerandsun ha scritto:

Aggiungerei alla lista della spesa i Cannes Heat.

Concordo!

“Living the blues” e “Boogie with Canned Heat” sono due album seminali.

Per non parlare del doppio “Hooker n’ Heat”, in compagnia del grandissimo e mai abbastanza ricordato John Lee Hooker.

Aggiungo un’ultima cosa sui Canned Heat, che forse gia’ saprai, da tenere in assoluta considerazione i dischi dove c’e’ la presenza di Robert Lucas, uno dei pochissimi bianchi a potersi fregiare dell’appellativo “Bluesman”.

I suoi dischi su Audioquest sono imperdibili.

Link to comment
Share on other sites

Summerandsun

@Progressive in quel periodo i neri americani hanno prodotto diversi dischi in Inghilterra insieme agli inglesi. I ragazzi inglesi avevano scoperto il blues e avevano riscoperto le star ormai decadute. Grazie agli inglesi sono state rilanciate diverse carriere.

A volte le collaborazioni erano molto contaminate (erano i tempi di cream, Hendrix, ecc.), quindi uscivano dischi tipo Electric Mud di Muddy Waters, quasi rinnegati dai bluesman. Vale la pena però ascoltarli. Si sentono i legami tra blues e rock

Link to comment
Share on other sites

Progressive
27 minuti fa, Summerandsun ha scritto:

Un'ascoltatina, ma anche qualcosa di più, la darei a Blue & lonesome dei Rolling Stones.

Disco che si fa ascoltare volentieri. 👍

Link to comment
Share on other sites

Progressive
Il 18/4/2022 at 18:43, ediate ha scritto:

lo strepitoso Rory Gallagher

Il suo album di debutto è stupendo.

.

Segnalo un'altro bel disco targato Muddy Waters.

 

 

OTctMTc1MC5qcGVn.jpeg

Link to comment
Share on other sites

Carson
Il 18/4/2022 at 18:43, ediate ha scritto:

lo strepitoso Rory Gallagher

Pochi bianchi hanno suonato il blues come lui.

Lui, Peter Green e John Hammond.

Link to comment
Share on other sites

Carson
2 ore fa, Summerandsun ha scritto:

Un'ascoltatina, ma anche qualcosa di più, la darei a Blue & lonesome dei Rolling Stones.

Scaletta da manuale, a mio giudizio. Ma incisione inascoltabile, non è imperfetta come i dischi degli anni ‘70, ma proprio incisa male male come fanno da diversi anni a questa parte.

Se posso dare un parere, qualora si vogliano Stones che suonano blues ci si deve rivolgere ai dischi dei primi anni ‘60, quantunque da Beggars Banquet fino ad Exile On Main Street ci siano sparse delle chicche del genere.

Sul resto dei dischi da consigliare, ha già detto tutto l’amico @samana.

p.s. Mi era sfuggito sto thread, ottimo.

Link to comment
Share on other sites

Summerandsun
2 ore fa, samana ha scritto:

Robert Lucas, uno dei pochissimi bianchi a potersi fregiare dell’appellativo “Bluesman”

Ho avuto il piacere di vedere i canned heat proprio con lui alla chitarra e voce. In un locale storico della provincia reggiana insieme ai miei compari di band. Stavamo iniziando a "fare sul serio" e abbiamo avuto così modo di vedere quelli "che fanno un altro sport".

Ricordo Foto Parra alla batteria...mai visto niente del genere...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...