Jump to content

Amplificatori chiari e amplificatori scuri


fmr59
 Share

Recommended Posts

il Marietto
5 minuti fa, magoturi ha scritto:

il Brinkman ( non so se l'ho scritto bene...) è tedesco ed è brillante,

la cosa è soggettiva e va in base all'abbinamento con i diffusori altrimenti ci si incarta con questi discorsi. 

Non sò che modello hai ascoltato ma l'integrato lo trovo molto piacevole per nulla affaticante, il mio dealer lo tratta e l'ho ascoltato con più diffusori . 

Link to comment
Share on other sites

il Marietto
35 minuti fa, fmr59 ha scritto:

potrebbero essere un pelo più aperte in alto. Le tannoy che avevo prima, comunque, da questo punto di vista, erano anche peggio 😄

Sicuramente con quelle dopo le Evolution arriverai all'optimum , un passo alla volta 😁

 

Link to comment
Share on other sites

magoturi

@il Marietto infatti nel mio post ho proprio precisato che tutto possono suonare equilibrati col giusto set- up, i diffusori erano due coppie diverse Burmester e T+A ovviamente usati alternativamente.

SALVO

 

 

Link to comment
Share on other sites

Renato Bovello
3 ore fa, alexis ha scritto:

Direi che una caratterizzione decisa su uno dei due versanti citati è un demerito, perché obbliga a certi mixaggi che non dovrebbero essere necessari.

Sommando due difetti e' difficile che venga fuori un pregio

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Wildwood
4 minuti fa, Renato Bovello ha scritto:
3 ore fa, alexis ha scritto:

 

Sommando due difetti e' difficile che venga fuori un pregio

In effetti ogni tipo di caratterizzazione andrebbe, anzi va considerata come l'introduzione di qualcosa che non doveva esserci o l'alterazione di qualcosa che avrebbe dovuto risultare in altro modo.

In tal senso, non esistendo un ampli o, in generale,  un elemento del sistema che non introduca una sua caratterizzazione, il risultato finale non può  che risultare  una somma di aberrazioni guidate empiricamente verso un risultato tutt'altro che stabile,  soggetto comunque ad ogni tipo di  variabile, in primis, alla qualità tonale della stessa  registrazione, anch'essa ulteriore elemento  caratterizzante miscelato al resto.

Inevitabile quindi la soggettività davanti un risultato che non è certamente quello che avrebbe dovuto essere, ma da dover accettare comunque come inevitabile compromesso

 

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

Renato Bovello
34 minuti fa, Wildwood ha scritto:

alla qualità tonale della stessa  registrazione,

Questo e' verissimo.

Link to comment
Share on other sites

jerry.gb
1 ora fa, Renato Bovello ha scritto:

Sommando due difetti e' difficile che venga fuori un pregio

Penso a quei cocktails in cui due ingredienti in apparente contrasto, ben miscelati creano qualcosa di favoloso in “perfetto” equilibrio, prendetela come una provocazione, mi raccomando l’oliva😉

  • Haha 2
Link to comment
Share on other sites

n.enrico

Se si tratta di veri e propri difetti, ovvero limiti evidenti, posso essere d'accordo, ma qui si parla di caratteristiche, di firme sonore, di scelte progettuali.

Un ampli attufato, abbinato a un diffusore trapanante, è molto probabile che venga fuori un porcaio; ma un ampli con una firma sonora chiara, quindi più portato al dettaglio sulle medioalte e comunque sempre all'interno di una sostanziale correttezza, puoi abbinarlo a un diffusore che lo addolcisca un po' oppure - al contrario - esaltare questa caratteristica (o comunque non mortificarla), se ti piace quel tipo di suono, con un diffusore anch'esso aperto in alto, e in ogni caso ottenere un risultato di rilievo.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

long playing

@magoturi

6 ore fa, magoturi ha scritto:

concordo ma il Brinkman ( non so se l'ho scritto bene...) è tedesco ed è brillante,i Cambridge sono Inglesi e li trovo brillanti, i Norma sono italiani e li trovo brillanti, gli Electrocompaniet sono nordici e sono morbidi, gli Accuphase sono Giapponesi e sono morbidi, gli Atoll sono Francesi e sono brillanti...insomma... c'è di tutto e di più a prescindere dalla nazionalità

Concordo. La nazionalita' non identifica la caratterizzazione timbrica o almeno non di tutti i prodotti.  Il mio integrato  francese per es. suono molto equilibrato e molto musicale e per nulla brillante e/o frizzante. Anche un altro imtegrato " francese " il particolarissimo " Memoire " della Triangle all'epoca mi diede un impressione diversa da come mi aspettavo ovvero molto buona e per nulla brillante e/frizzante bensi' equiilibrato e dolce nel senso migliore del termine.

Pertanto ho una grande considerazione dei prodotti francesi.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Maurjmusic
Il 1/8/2022 at 23:12, STEFANEL ha scritto:

se spectral lo abbini a diffusori molto aperti magari diventa tagliente

 

Per la mia esperienza  i finali Spectral possono rivelarsi  eccessivamente chiari, (con diffusori  un po’ “luminosi” ) solo quando collegati con i relativi  pre Spectral .

 

Link to comment
Share on other sites

Collegatiper
7 ore fa, magoturi ha scritto:

il Brinkman ( non so se l'ho scritto bene...) è tedesco ed è brillante,i Cambridge sono Inglesi e li trovo brillanti, i Norma sono italiani e li trovo brillanti, gli Electrocompaniet sono nordici e sono morbidi, gli Accuphase sono Giapponesi e sono morbidi, gli Atoll sono Francesi e sono brillanti...insomma... c'è di tutto

…forse tutto tranne un francese che suona morbido???? 

Link to comment
Share on other sites

magoturi

@long playing certamente, anche gli Advance Paris suonano morbidi ed hanno un ottimo rapporto Q/P conosco il Memoire , ce l'aveva un mio collega prima di venderlo e comprare un Devialet e concordo con le tue impressioni.

SALVO.

Link to comment
Share on other sites

Ogni apparecchio ha una sua firma sonora,non è che suona chiaro o scueo a seconda del diffusore che gli si collega,questa è una panzana,un Mc,o un Acc per fare degli es li riconosci subita a prescindere dal diffusore che gli colleghi.Questo sarebbe possibile solo con appaecchi totalmente neutri,ma sappiamo che ciò non è possibile,certo poi il marketing ed ecco il miracolo....

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

magoturi

@Collegatiper no, l'Atoll non e' morbido ma altri Francesi si , come dicevo prima la nazionalita' a volte non conta....

L'Harman Kardon generalmente non e' morbido ma il Carver cm 1090 si e non tutti i Carver sono morbidi come lui...

SALVO.

Link to comment
Share on other sites

magoturi

@jimbo certamente, esiste il sound family ma anche all'interno dello stesso marchio ci sono differenze, la stessa Yamaha ha prodotto l'ax 2000 che non era cosi' brillante come altri prodotti del marchio nello stesso periodo...chiaramente organizzando un certo set-up ambiente compreso possiamo ottenere variazioni di rilievo.

SALVO.

Link to comment
Share on other sites

Collegatiper
7 minuti fa, magoturi ha scritto:

l'Atoll non e' morbido ma altri Francesi si ,

Quali?

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...