Jump to content

Segnalate i migliori nuovi dischi


giorgiovinyl
 Share

Recommended Posts

giorgiovinyl

Altra cosa, riaprendo il thread non ho inserito "del 2021" per evitare la seccatura di dover aprire un nuovo  thread ogni anno. 

E' stato però obiettato che così alcuni forumers, senza questa precisazione, hanno segnalato dischi non proprio recenti.

Un compromesso potrebbe essere chiedere ai moderatori  aggiungere al titolo del thread "dell'anno", che ne pensate? 

Link to comment
Share on other sites

JusticeAngel

Heavy Feather - Mountain of Sugar

Rock

 

Classic rock suonato allo stato dell'arte con un duplice valore aggiunto, il talento del chitarrista (Mattias Gustafsson) e la personalità della cantante (Lysa Listam) che ricorda molto Janis Joplin. Buona anche la resa audio, registrazione molto articolata e il minimo di compressione dinamica necessaria.

 

 

heavy.jpg

  • Melius 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Vintagehifilover

"Mephisto Ballad" a mio avviso  è la perla del 2021. Il grande Maroccolo ed  Aiazzi si sono superati. Musica sperimentale con un basso divino ed un pianoforte davvero stupendo. Un viaggio davvero fantastico! Chicca è la versione autografata!

IMG_20210406_174254_317.jpg

Link to comment
Share on other sites

@Vinteuil avevo ascoltato il disco assieme ai Kikagaku Moyo, uscito a inizio febbraio e mi era piaciuto parecchio, ora proverò questo più recente che lo vede in azione come solista.

Grazie

Ciao

Stefano R.

Link to comment
Share on other sites

@minollo63 Quello pure è bello. Ma è fatto di materia diversa e più astratta. Qui siamo nel campo degli album di grandi “canzoni”, certo quasi mai “dritte” che, in un certo qual modo si possono ascrivere, con le dovute e necessarie fughe in “avanti”, ad una certa e gloriosa tradizione folk rock americana. 

Link to comment
Share on other sites

21 ore fa, JusticeAngel ha scritto:

Heavy Feather - Mountain of Sugar

Ascoltato qualche settimana fa. Patinato e telefonato. Solo per i patiti del genere IMHO.

 

17 ore fa, minollo63 ha scritto:

Dry Cleaning (autore)

Anche a questo ho dato un paio di ascolti quando uscito. Promette bene, pur come al solito non inventando nulla di nuovo. Alla lunga il gran difetto è la voce. Trovo il piattume della stessa, per quanto voluto, molto stancante. Al quarto pezzo mi avevano già perso. Spero in un po' più di dinamismo in futuro perché mi sembrano interessanti.

 

Propongo

image.thumb.png.fad0f0b47cf5a4ff821e8206e3d406bd.png

 

Genere indie pop. Ossia canzoncine che non ce l'hanno fatta 😛

Il mood melancolico e le melodie riuscite ne fanno un bel dischetto. Magari con 25 anni di ritardo ma un album molto centrato e godibile a mio avviso se preso per quel che è.

 

 

 

Jurassic Witch - Black masses and Ashes

Genere : stoner

Se vi sono piaciuti i River Cult ( a me sì!) andate sul sicuro.

Purtroppo disponibile solo in versione download al momento a quanto mi è dato capire.

 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Sarà anche l'ennesima riproposizione di un concerto di Neil Young, ma questo, uscito quest'anno, mi sembra proprio degno di nota, specialmente per chi lo preferisce acustico:


495518.thumb.jpeg.ce50eeebf1a34f41f91f06c91574781f.jpeg

Link to comment
Share on other sites

Artista: Anna B Savage 

Titolo: A common turn

Genere: cantautorato inglese 

 

Segnalatomi da un amico, Raffaele, me ne sono innamorato al primo ascolto. Voce ed interpretazione intensa, si accompagna con la chitarra, scrive, compone e.. zero esercizio di stile. Autenticità allo stato puro. 

Dei singoli erano usciti in anticipo, lo scorso anno, ma questo è il suo album LP d'esordio, ed è di fine Febbraio 2021. Tra le Rivelazioni sicure di questo 2021. 

Giuseppe 

 

 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Il 10/4/2021 at 18:34, Vinteuil ha scritto:

Ecco il disco che mi sta convincendo di più da inizio anno. È uscito pochi giorni fa e già l’ho passato e ripassato più volte. Il ragazzo non ha quasi mai sbagliato ma stavolta ha fatto davvero un gran disco. 

 

tranne forse Golden Sings, sono tutti gran bei dischi. quest'ultimo lo sto ascoltando da qualche giorno anch'io, ufficio in sottofondo e a casa con tutti i crismi, beh davvero molto ma molto bello. Ai soliti riferimenti ha aggiunto una vena "progressive" niente male, poi la qualità di scrittura è, al solito anzi più del solito, veramente alta e senza cedimenti per tutta la durata del disco. Tra i dischi dell'anno sicuro.

Link to comment
Share on other sites

Il 10/4/2021 at 17:47, minollo63 ha scritto:

ry Cleaning (autore)

New Long Leg (titolo)

Post-punk (genere)

Un altro disco di post-punk verrebbe da chiedersi, ma in questo caso si va un po’ più in là, perché oltre a interessanti inserti musicali che si dirigono verso lo psych-noise, la new-wave e il britpop stesso, c’è un uso della voce femminile molto particolare da parte della cantante Florence Shaw che recita le parti cantate, rendendo il tutto molto più seducente e intrigante del normale. La sua voce ha un fascino magnetico, che catalizza l’ascolto al di là della musica stessa che accompagna le sue liriche.
Se a questo aggiungiamo la produzione di John Parish per la 4AD è difficile non pensare che questo disco possa essere tra le uscite più interessanti di questo nuovo anno.

lo sto ascoltando proprio ora per la prima volta, mi sta piacendo 😉  poi vedremo con gli ascolti. Se non l'hai già ascoltato, prova il disco dell'anno scorso di Billy Nomates. Spoken world e post punk anche quello, ma con degli innesti electro e una vena più "pop".

Link to comment
Share on other sites

Il 11/4/2021 at 11:37, SoNineties ha scritto:

Alla lunga il gran difetto è la voce. Trovo il piattume della stessa, per quanto voluto, molto stancante. Al quarto pezzo mi avevano già perso. Spero in un po' più di dinamismo in futuro perché mi sembrano interessanti.

io invece trovo che il cantato in stile spoken word abbia sempre un gran fascino, ovviamente quando fatto bene e con la giusta musica (minimale e di matrice post punk, come in questo caso, è la morte sua 🙂 ) ... il mondo è bello perchè è vario 🙂

Link to comment
Share on other sites

Il 11/4/2021 at 11:37, SoNineties ha scritto:

Jurassic Witch - Black masses and Ashes

Genere : stoner

fino a qualche anno fa, più di qualche in effetti, di stoner-doom ne ascoltavo tantissimo, poi forse ho avuto una crisi di rigetto, ma soprattutto trovavo sempre più di rado dischi che mi dicessero realmente qualcosa. Ripetizioni e riproposizioni il più delle volte senza una aggiunta di fantasia e senza personalità. Ogni tanto ci riprovo, qualche disco decente lo trovo, non più di 3-4 ad annata, ma di "entusismarmi" per davvero manco l'ombra (l'ultimo è stato il ritorno inaspettato dei maestri, e vabbè, Sleep di 2-3 anni fa) 😞  Comunque mi segno anche questi sopra 🙂

Link to comment
Share on other sites

14 minuti fa, Superfuzz ha scritto:

che il cantato in stile spoken word abbia sempre un gran fascino

Forse mi sono espresso male. A me anche piace. Non per un disco intero però.

Poi sì, è fondamentalmente questione di gusti.. non scienza dimostrata o verità rivelata 😄

 

Link to comment
Share on other sites

18 minuti fa, Superfuzz ha scritto:

fino a qualche anno fa, più di qualche in effetti, di stoner-doom ne ascoltavo tantissimo, poi forse ho avuto una crisi di rigetto, ma soprattutto trovavo sempre più di rado dischi che mi dicessero realmente qualcosa

Ti capisco. Anche io vado a periodi. In quelli dove mi stufo mi segno le uscite e le ascolto quando ritrovo l'ispirazione. Come te, salvo poca roba. L'anno scorso penso di aver messo nello zaino di fine anno solo i River Cult per esempio.

Ma semplicemente perché i pezzi mi piacevano.

Magari lo ascolti tu e mi dici : sentito milioni di volte, non mi dice niente. E io certo non potrei dirti di no sul primo punto.

 

Link to comment
Share on other sites

JusticeAngel

 

Greta Van Fleet - The Battle at Garden's Gate

Rock

 

Un'evoluzione notevole sia in termini di composizione musicale sia a livello di perfomance strumentale rispetto al primo album ed il risultato è suggestivo, potente. Peccato per la qualità audio che non è a supporto del livello artistico perché rovinata da una pesante compressione dinamica.

 

 

81Dwd6--R2L._AC_SL1200_.jpg

  • Melius 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...