Jump to content

Cronache della loudness war (thread unico)


maabus
 Share

Recommended Posts

@maabus Già, alla luce dell'analisi corretta credo che i valori quelli siano.

 

Ma qualcuno mi sa spiegare il perché oggi anno domini 2021 su un supporto CD che in teoria può avere una dinamica enorme (a differenza dell'LP dove è per forza di cose  limitata) le case discografiche sentono il bisogno di fare un secondo mastering compresso?!

Tutto ciò è pazzesco.

 

PS visto che sono in parte causa del polverone, mi offro (quando avrò un attimo di tempo per la digitalizzazione completa) di mettere a disposizione i files degli LP per l'analisi, in modo che possano essere caricati sul database, se qualcuno vorrà farlo.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

6 minuti fa, Velvet ha scritto:

le case discografiche sentono il bisogno di fare un secondo mastering compresso?!

Mia supposizione: oggi il 90% di chi ascolta musica, forse anche il 95%, lo fa:

in metropolitana

in auto

sul tram

mentre corre, o cammina per strada

etc etc, ovvero tutte situazioni con alto- altissimo rumore di fondo, per cui musica con alta dinamica sarebbe inascoltabile. Quindi la massa, ovvero il mercato, gradisce e chiede musica compressa che può ascoltare in tali situazioni.

I quattro gatti che ascoltano su un impianto hifi si arrangino come possono 😉 

Link to comment
Share on other sites

@cesare Però chi compra un CD (non il file hi res o lo stream) non lo fa per usarlo su un dispositivo portatile o in auto (oggi non hanno nemmeno più il lettore)

.. Secondo me le case non hanno ben capito che chi compra un supporto fisico oggi va trattato con tutti gli onori, e non fregato 😒.. 

Link to comment
Share on other sites

@Velvet sono d’accordo, forse non si sono resi conto che ormai la massa va via streaming con spotify e affini, per cui ormai anche il CD sta diventando un mercato di nicchia per appassionati ...

Link to comment
Share on other sites

in teoria anche chi compra un file hires non sborsa i soldi per ascoltare mentre è in giro in cuffia la sua musica in alta definizione in metro o durante un allenamento sportivo, per quello basta e avanza un mp3, l'hires dovrebbe essere sempre sinonimo di alta fedeltà del suono invece a me sembra solo un ennesima presa per i fondelli prendono lo stesso mastering del cd e lo mettono in vendita sulle piattaforme, dovrebbero avere invece un mastering diversificato o comunque se non vogliono farne 3 o 4 per le varie esigenze quando c'è già il mastering usato per il vinile mettessero quello sui siti tipo quobuz o tidal.

Link to comment
Share on other sites

Mi consolo che allora le mie orecchie ancora funzionano :classic_biggrin:

Mi pareva strano che avessero diversificato la versione digitale... 

Mi spiace però che abbiano fatto ancora una volta questa pessima scelta editoriale, e di presentare la versione digitale enormemente castrata dal punto di vista della dinamica. Aggiungo però che all'ascolto, come già detto, questo mix2015, in hi res 24/96 è, nonostante tutto, godibile.

Link to comment
Share on other sites

Certo che siete forti.😎

Non sono intervenuto prima, per non creare scompiglio, e poi non avendo il cd in questione non potevo dimostrare nulla.

Ci sta' che @Velvet abbia sbagliato un numero, quindi non si deve scusare, tutti sbagliamo.

In cuor mio, non ho mai visto un cd dell area pop-rock con un DR18....manco nella classica si arriva a quei livelli.

A maggior ragione una masterizzazione fatta da Pischetola che ha SEMPRE ipercompresso gli ultimi 20 anni di Battiato.

Quindi quel dato, con molta onesta', non poteva essere veritiero.

Ma la cosa che mi ha dato piu' fastidio, e' che con un numero si e' messo in discussione tutta una serie di certezze portate avanti di anno in anno, da migliaia di appassionati.

Certezze, che non sono legate ad un numero (come purtroppo pensa ingenuamente qualcuno) ma legate principalmente all'ascolto quotidiano dei nostri dischi.

Insomma, la loudness war non ce la siamo inventata noi...ma ce l'hanno rifilata i signori produttori e  fonici.

Ed un disco ipercompresso non potra' mai e poi mai suonare come un disco ad alta dinamica.

Almeno per quello che sono i miei parametri di ascolto.

salutoni

 

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, densenpf ha scritto:

Certo che siete forti.

Chiaro :classic_cool:

Quale occasione, migliore di questo caso, per mostrare a chi crede (ingenuamente, hai detto bene) che sia solo un numero e non una precisa scelta "politica"? 

Link to comment
Share on other sites

Su YouTube c’è un bel video di Lincetto che spiega, secondo lui, quali sono i motivi dell’utilizzo della compressione nelle registrazioni moderne e non.

Link to comment
Share on other sites

16 minuti fa, Pinkflo3 ha scritto:

Grazie a Velvet per aver fornito tutto il materiale. Purtroppo è l'ennesima prova del disfacimento e decadimento della qualità della produzione musicale in ambito rock pop e di tutti i discorsi fatti da anni. 

Grazie a te per la pazienza e per il lavoro di analisi (e per avermi ricondotto alla ragione 😄 ).

 

Certo che per chi compra il CD o il file HR è una brutta sorpresa. Che tristezza.

Link to comment
Share on other sites

15 minuti fa, Pinkflo3 ha scritto:

Qui spiega tutto:

In realtà,  e a Lincetto voglio davvero un gran bene,  non spiega nulla. Perché non c'è nulla da spiegare.  La maggior parte di noi qui dentro, e Lincetto medesimo,  hanno i capelli bianchi e un discreto, in alcuni casi ottimo, potere di acquisto. Veniamo da un lungo percorso e vediamo la musica in un certo modo. La stragrande maggioranza delle persone invece,  ascolta musi a esattamente per le ragio esposte da Marco. Lo fa ora e lo faceva negli anni 60, 70, 80, 90 ecc ecc.

Se il cd o la musica liquida fosse stata disponibile nel 1960, sicuramente saremmo finiti dove siamo ora. In quell'epoca i mezzi di riproduzione erano talmente orrendi che oggi , a cofronto con un cellulare con due cuffie,  sembrano sistemi inaccettabili.  Fono valige,  radio mono con giradischi integrati, mangiadischi, registratorini a nastro con micro altoparlanti.  Ora come allora, il buon suono era riservato a pochi, non a tanti. Che manco erano interessati ad averlo.

Oggi ascoltiamo musica in modo immensamente migliore che anche solo 30 anni fa.  

Io non vedo nessuna scelta politica. Semplicemente le cose vanno come son sempre andate.  

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

Purtroppo in questo momento tutta l'industria discografica e' proiettata energeticamente e finanziariamente, verso il vinile.

Poiche' e' l'unico e ultimo modo per salvare tutto il sistema.

Basta vedere i prezzi di qualsiasi deluxe edition per rendersene conto.

Affossando il cd, (trattato alla stregua di un mp3 avanzato ,ormai) si esalta il vecchio disco laccato, che rende mooolto di piu.

Peccato, perche' oggi, un cd  ben fatto, da' ancora molte soddisfazioni, mantenendo costi di produzione molto bassi.

Questo modo di operare non rende neanche giustizia alla cosidetta HR, come che abbiamo visto troppe volte, usa gli stessi file digitali dei sottovalutati cd,( quindi se uno si vuole fare un impianto liquido, gli passa anche la voglia.....)

La cosa strana e', che ascoltando  quei file da DR6 in streaming, tutto viene lodato in nome del miracoloso 24/192 Hz...ma se lo stesso file, lo ascolti su un lurido supporto di alluminio, di colpo scompare la magia...😁 

Misteri dell'alta risoluzione....e di un marketing discografico, rivolto solo e unicamente al profitto e interesse.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, Velvet ha scritto:

Certo che per chi compra il CD o il file HR è una brutta sorpresa.

Con lo streaming in hi res un vantaggio c'è: lo puoi ascoltare prima dell'eventuale acquisto. Non mi sembra poco...

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, senek65 ha scritto:
3 ore fa, one4seven ha scritto:

una precisa scelta "politica"? 

A quale scopo?

Chiamala "commerciale" se preferisci. Oh... Ce ne sono molti che fanno scelte opposte eh. Ti potrei citare centinaia di riversamenti in hi res con alto DR. Sono scelte... Chi butta fuori un rivestimento in DR6 pensa che sia commercialmente vincente. Magari ha ragione, magari no... 

Link to comment
Share on other sites

Il 6/4/2021 at 15:49, densenpf ha scritto:

In cuor mio, non ho mai visto un cd dell area pop-rock con un DR18....manco nella classica si arriva a quei livelli.

 

Forse dovresti aggiungere area pop-rock prodotto dopo l'anno 2000, proprio stamattina sono capitato per caso sull'shm-cd Love Over Gold, il brano Private Investigations mi dà un DR18.

 

L'ho rilevato con l'apposita funzionalità di JRiver, che se pure potrebbe dare risultati leggermente diversi, non credo prenda proprio lucciole per lanterne. E poi ho potuto godermelo ad alto volume e gli attacchi sono veramente fulminei e mooolto dinamici...attenzione ai tweeter!

 

Altro disco che ho sempre goduto come un riccio ad ascoltare ad altissimo volume, è il grandissimo Dry della mia amata P.J.Harvey: il brano Happy and Beeding ha un DR18 rilevato con la stessa modalità. In questo disco, l'impatto di gran cassa e basso suonati all'unisono è qualcosa di devastante, paragonabile alle sensazioni che si provano ai concerti Live. Se l'amplificatore ce la fa ovviamente.

 

Ci sono anche molti altri dischi rock come ad esempio le versioni originali di The Wall, che hanno un DR molto elevato, non ho i dati sottomano ma sono sicuro che ci avviciniamo parecchio.

 

Certamente dischi con DR18 come "Dry" vanno ascoltati innanzitutto con la manopola del volume ruotata a palla (altrimenti non si sentono 😁) e poi con un sistema amplificazione-diffusori capace di assecondarne la dinamica, assolutamente vietate cuffiette e torrette con wooferini da 16 cm, magari abbinati ad amplificatorini  da 50 "raffinatissimi" watt: ascolteremmo solo distorsione.

 

Probabilmente prima ancora dell'ascolto in cuffietta dei ragazzi, anche la moda tutta audiofila del piccolo diffusore da stand o a torre che sia, ha inciso sulla scelta di comprimere orrendamente i dischi, tanto che nella produzione odierna anche i migliori sound engineer come Steven Wilson, quando rimasterizzano raramente superano un DR14...

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...